mercoledì 18 aprile 2012

Chiang mai e dintorni: la Thailandia più vera


Bentornati! Ecco il secondo post sul mio viaggio in Thailandia. Ne seguiranno altri due, poi vi racconterò del mio prossimo trip, cioè Budapest.

Come ben sapete, a Novembre c'era ancora il pericolo alluvione nel paese dei sorrisi, dovuto ad una stagione delle pioggie eccezionale. Questo ha fatto sì che le mie compagne di viaggio ed io, cambiassimo itinerario.
Il dubbio iniziale (andare al nord per vedere il Loi Krathong, la famosa festa delle lanterne, o stare al centro?) si è presto dissolto. Una volta arrivate all'aeroporto Suvarnabhumi, di Bangkok (bellissimo)  siamo volate a Chiang mai. Questa città mi è piaciuta moltissimo, forse perchè era in festa, forse perchè rappresenta bene ciò che ho sempre immaginato dell'Asia: le antiche tradizioni, le vie trafficate ma allo stesso tempo ricche di strani mezzi di trasporto, come i tuk-tuk, i cibi speziati...
Il "Farang", lo straniero, raramente si sentirà trattato male. I thailandesi sono in genere molto ospitali, e in questa città, lo sono ancora di più.
Ho visitato molti templi, bellissimi, e forse quello che mi è rimasto più nel cuore è il primo che ho visto: il Wat Phra That Doi Suthep recensito qui. 
Chiunque si rechi a Chiang Mai, vi parlerà del Night Bazar: prezzi risibili (ma contrattate sempre!), e un vasto assortimento di, souvenirs, arredi per la casa ed altro ancora! Da vedere almeno una sera!
Si possono fare molte cose in questa città: affidandosi ad una delle agenzie del luogo, o a piccoli tour organizzati da locali, su bus, potrete visitare villaggi e darvi al rafting o vedere un campo di elefanti.
Noi abbiamo visto un antico villaggio MONG e un altra cittadina dove vivevano le donne "dal collo lungo". Nel LONGNECK village infatti, vedrete quella popolazione che usa adornare il collo delle femmine con  grossi anelli d'oro. Esse vivono vendendo souvenir, mentre i loro mariti sono nei campi di elefanti o aiutano nei punti dove si può effettuare rafting. Sono molto orgogliose delle loro usanze, queste popolazioni, che continuano a sposarsi  con membri dello stesso clan, o di quelli vicini.

Ho inoltre partecipato all'YEEPENENG LANA, una festa privata per la celebrazione del Loi krathong. E' stata bella ma ha piovuto, e ho preferito accendere la mia lanterna per le strade della città, il giorno successivo. La festa si celebra durante la prima notte di luna piena del mese di novembre. Il fiume Ping, si riempie di krathong, cesti o foglie pieni di fiori e candele, che si dice portino fortuna. La festa non è prettamente buddhista, anzi...alcuni dicono che serva per onorare la dea Ganga. E' stata una delle esperienze più toccanti della mia vita! Favolosa!

Un'altra attività che mi ha insegnato molto è stata quella di visitare un campo di elefanti. Le mie amiche ed io, non volevamo recarci a vedere questi nobili animali, relegati a dipingere o comunque a fare numeri da circo (e ci sono campi che vi offrono questo triste spettacolo...). Perciò ci sentivamo più portate  per un altro tipo di approccio, il "take care", il prendersi cura dell'animale. Abbiamo imparato come ci si relaziona con gli elefanti e a fine giornata, li abbiamo pure lavati al fiume!

Una bella esperienza è stata quella di visitare il Wararot, il mercato più antico di Chiang mai, e di mangiare una buona zuppa in un piccolo bar che vi era all'interno.
Di seguito ecco l'elenco dei templi da me visitati. Ne vale veramente la pena !

  • Wat Phra That Doi Suthep
  • Wat Phan Tao
  • Wat Chedi Luang
  • Wat Chiang Man
Una sosta al Phumping Palace, è vivamente consigliata! E' un palazzo che appartiene ai reali, con giardini rigogliosi e fiori molto belli. E a proprosito di fiorellini: se vi affiderete ad un'agenzia per recarvi ad un campo di elefanti, vi proporranno anche l'Orchidea farm. Andateci, è molto bella.

Welcome back! Here is the second post on my trip to Thailand. Two more will follow, and after, I'll tell you about my next trip, ie Budapest.As you well know, in November there was still the flood danger in the land of smiles, due to an exceptionally rainy season. This has meant that my traveling companions and I,  change the route.The initial doubt (go north to see the Loi Krathong, the famous festival of lanterns, or stand in the middle?) Was quickly dissolved. Once you arrive at Suvarnabhumi Airport, Bangkok (beautiful) we fly to Chiang Mai. I loved this city, perhaps because it was on holiday, perhaps because it represents well what I always dreamed of Asia: the ancient traditions, the busy streets but at the same time full of exotic means of transport such as tuk-tuk, spicy food ...The "Farang", the stranger, rarely feel mistreated. Thais are generally very hospitable, and in this city, are even more.I have visited many temples, beautiful, and perhaps what I was closer to the heart is the first I've seen: the Wat Phra That Doi Suthep reviewed here.Anyone coming to Chiang Mai, will speak about the  Night Bazaar: laughable prices (but always contracted!), And an assortment of, souvenirs, home furnishings and more! Worth seeing at least one evening!You can do many things in this city: relying on an agency of the place, or small tour organized by local bus, you can visit villages and give the rafting or seeing an elephant camp.We have seen an ancient village MONG and another town where the women lived "long neck". In fact Longneck village, you will see the population uses to adorn the neck of females with large gold rings. They are living by selling souvenirs, while their husbands are in the  elephants camps or help on  places where you can do rafting. They are  very proud of their customs, who continue to marry members of the same clan, or neighbors.I also participated all'YEEPENENG LANA, a private party for the celebration of Loi Krathong. It 's been good but it rained, and I decided to turn my lantern through the streets of  the city , the next day. The festival is celebrated during the first full moon of the month of November. The Ping River, is filled with krathong, or leaves baskets full of flowers and candles, which is said to bring good luck. The festival is not purely Buddhist, but ... some say that it serves to honor the goddess Ganga. It was one of the most moving experiences of my life! Fabulous!Another activity that taught me a lot was to visit an elefant camp. My friends and I did not want to bring us to see these noble animals,  to paint or otherwise doing circus acts (and there are camps that offer you this sad spectacle ...). So we felt more inclined for another type of approach, "take care",  of the animal. We learned how  relates to the elephants and end of the day, we have also washed by the river!A great experience was to visit the Wararot, the oldest market of Chiang Mai, and eat a good soup in a small bar that was inside.Below here is a list of the temples I visited.
• Wat Phra That Doi Suthep• Wat Phan Tao• Wat Chedi Luang• Wat Chiang ManA stop at the Palace Phumping, it is strongly recommended! A palace belonging to the real  with gardens and lush flowers really beautiful. And about of flowers, if you shall appoint an agency to go to an elephant camp, they  also suggest u  the Orchid farm. Go there, it is very beautiful.

2 commenti:

  1. amo viaggiare, e appena laureata non vedo l'ora di farmi un paio di giretti qua e la anche per migliorare lo studio delle mie lingue! Interessantissimo questo post come tutto il blog!
    ti seguo se ti va passa da me
    a presto sere

    http://lostintheclothing.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io amo viaggiare spesso, quindi se tornerai a leggere troverai altri post simili :) grazie dei complimenti, molto bello anche il tuo blog!

      Elimina

I love your comments!